Manfio Mario - ΦΘΟΝΟΣ ΘΕΩΝ (fthònos theòn)

Data: 2017-08-31 22:30:42 - Categoria: 28^ Edizione del Premio Premio "Rosario Piccolo" 

Manfio Mario
?????? ????.(fthònos theòn)

Ieri me son trovado a 'ver paura
de aver perso 'l anel col'ametista
e me xe tornà in testa quela storia
che ga scrito Erodoto, contando
del anel de Policrate de Samo.
Iera 'sto tizio un omo fortunado,
'ssai fortunado, tanto che 'l gaveva
un gran pipiu de deventar motivo
de quel che Erodoto ghe ciama in grego
"fthònos theòn", che saria come dir
l'"invidia degli dei", perchè alora
gaveva le divinità difeti
supergiù come i nostri e perciò,
se un ghe 'ndava tropo ben le robe,
lori se rosigava per l'invidia.
E Policrate ga deciso un giorno
de butar via un anel che ghe piaseva,
ma propio tanto, 'cussì – 'l ga pensado -
forsi no i gavarà più tanta invidia.'
El ga ciapado e 'l ga butado in mar
'l anel che ve disevo. Ma do giorni
o tre dopo, nel mentre che 'l magnava
un pesse, el ga trovà nela su' panza
'l anel che lu' 'l gaveva via butado
(anca mi go trovado 'l mio anel,
ma no in un pesse), cussì 'l ga capido
che no ghe iera gnente cossa far:
se i dei gaveva spiza de punirlo,
i lo gavessi fato in ogni caso.
De 'sto pensier me ne xe nato un altro:
se esisti 'sto "fthònos tòn theòn",
no dovessi esister el contrario?
cioè, se un ga visto finir sbusi
i sui progeti fati pel domani,
no saria giusto che un qualche dio
gabi per lui un iozo de pietà?


TRADUZIONE: Ieri mi sono trovato ad aver paura d'aver perso l'anello con l'ametista e mi è tornata in testa quella storia che ha scritto Erodoto, narrando dell'anello di Policrate di Samo. Costui era un uomo fortunato, molto fortunato, tanto che aveva una gran paura di diventare motivo di quello che Erodoto chiama "fthònos theòn", come dire l'"invidia degli dei", perché al-lora le divinità avevano difetti suppergiù come i nostri e perciò, se a uno le cose andavano troppo bene, loro si rodevano d'invidia. E Policrate decise un giorno di buttare un anello che gli piaceva, ma proprio tanto, 'così – pensò – forse non avranno più tanta invidia'. Prese e gettò in mare l'anello che vi dicevo. Ma due o tre giorni dopo, mentre mengiava un pesce, trovò nel suo ventre l'anello che aveva gettato via (anch'io ho ritrovato l'anello, ma non in un pesce), capì così che non c'era nulla che potesse fare: se gli dei avevano il "prurito" di punirlo, lo avrebbero fatto in ogni caso. Da questo pensiero me n'è nato un altro: se esiste questo "fthònos tòn theòn", non dovrebbe esistere il contrario? Cioè, se uno ha visto finire in niente i suoi progetti fatti pel domani, non sarebbe giusto che un qualche dio avesse per lui un goccio di pietà?


Commenti:


HashFlare