Giammaria Gabriella - Previdente?

Data: 2017-08-31 22:30:17 - Categoria: 28^ Edizione del Premio Premio "Rosario Piccolo" 

Giammaria Gabriella
Previdente?

Così in fretta che quasi non ci crede,
il tempo passa e l'uom non se ne avvede,
passan giorni, le settimane e gli anni,
passano dolori, gioie, guai e malanni,
passa la vita con quel che comporta:
per tutti si apre la Celeste Porta.

Irreligioso, ateo, miscredente,
sei sicuro di essere previdente?


AUGUSTO
Sotto un vetusto fusto
svetta e s'erge, robusto,
l'augustissimo busto
di quel fusto di Augusto.
È giusto!
Ma, spinoso, sul busto
di quel fusto di Augusto,
angusto, c'è un arbusto
che toglie lustro al Fusto,
dacché il dolente busto
sempre si gratta Augusto.
È ingiusto!
La gente di buon gusto
pensa che non sia giusto
sorridere di Augusto,
quando l'augusto Augusto
gratta il robusto busto
sotto al vetusto fusto.
È giusto!
Sarebbe ancor più giusto
fosse tolto l'arbusto
arrampicato al busto
di quel fusto di Augusto
che troverebbe lustro
sotto l'onusto fusto.
Che gusto!


L'ESAME DI STATO
È na furtune ca me so' svejate
nin sì ca me so' sunnate!

Lu vicchie esame di stato,
già spauracchio conlamato,
pe' l'incubo ch'a stato,
è angoscia ricorrente
ne li sunne di tanta gente,
che s'artrova esaminanda,
nghe patemi da educanda
davanti a tanti professori
nghe le facce d'accusatori.

Nin fa ninde se dì dottore,
oppure illustr'espoloratore,
se gorgheggi fa tenore,
o sì capo redattore,
da tant'anni farmacista,
affermato commercialista,
valentissim'ingegnere,
bald'impavido pompiere,
se tì li fije e li nipute,
op puramente hi pijate li vute,
celeberrimo avvocato
da più tempo laureato
....................
Sempre là ha da tremà,
davanti a tanta difficoltà.

"Cominci pure ...con storia!"
Fluttui nei vuoti di memoria,
t'affanni e t'arruville,
arguire li spremiceville
e scruti attentamente
nghe li cent'ucchie de la mente
se li movimenti del li visi
s'arsumiesse a li sorrisi.
Ma tante ch'i cercate,
proprio ninde si truvate.

Lu foje bianc' del compit' in classe
n' ci steje case se tignese di nero
pe' nu solo ramingo pensiero
che in parole si tramutasse.

"Avrà certamente osservato
quali meraviglie del Creato
racchiuda il testo di geografia,
dica qualcosa, suvvia!".
Lu sguardo vagabondo
jeve guardenne tondo, tondo
se a qualche angolo annascosta
s0artruveje la risposta.
"Le so' scuvate e t'arrisponne
ca lu monne nostre è tonne,
è nu segrete pe' nisciune,
n' ce la penseje soltanti une.
E pe' sta grande verità
vide che vote bone mi vu' dà!".

"Visto ch' tanto spiritosa,
provi piuttosto s dir qualcosa
sul fatto delle "lunazioni"
ben spiegato in tre lezioni".
Steje a cuscì ‘ntrecciate tra le lune
ca soli na botta de fortuna
mi puteje scioje da lu gruvije
...e chi te l'avess' date nu cunsije!

"Passiamo alla Filosofia,
o l'ha abbandonata per via!?".
E l'incubo spinge incessante.
"Ch'avisse magnate pesante!"
"Juste m'arsale l'aragosta
che va giù e su senza sosta
e pare che le fa a posta".

Di tant'e tale punizione
nu Sant' s'ha moss' a cumpassione
e come martieme s'argirate,
all'istante so' sussultate
e con quel liberazione
so' ‘rscite da che l'ossessione.

Pe n'armanè quella somara
nella memoria, in fondo cara
so' ragionate su na cosa
che m'ha sembrate giudiziosa:
"Mentre che durm', ti li pu' rcudà
ciò che che sapije tant'anni fa,
quando, tante brave ca si state,
nghe boni voti si passate
grazie pure a nu professore
che v'aveje messe di bonumore".

Era nu tipe assai burlone,
faceje parte dela commissione,
nghe na machina scaiulata
scatteje foto all'impazzata:
quasi tutte mal'inquadrate,
ancore peggio sviluppate.
Senza nu bracce, nghe mezza testa
Chell'esame sembreje na festa.

A ‘stu modo arsullevati
tutti bene siamo andati
e nghe sta bone disposizione
c'eme guadagnate la promozione.

"Caro professore, sci benedette a dua stì,
la machinetta ti pozz'ancora servì!".


Commenti:


HashFlare